SEMINARIO DI FORMAZIONE 3 CFP: la barca tra le norme – visite a bordo delle unità da diporto

L’ Ordine degli Ingegneri di Genova insieme ad ENAVE – Ente Navale Europeo S.r.l propone, un seminario tecnico per illustrare la nuova concezione di visita tecnica sulle imbarcazioni da diporto.

Questo seminario è il primo appuntamento tecnico dopo l’entrata in vigore del Nuovo Codice della Nautica da Diporto e la piena applicazione della direttiva 2013/53/UE alle imbarcazioni da diporto.

La visita di rinnovo del certificato di sicurezza, alla luce delle nuove norme, non deve essere solo un controllo, ma una occasione di confronto tra il diportista e il tecnico dell’Organismo Notificato. Tale occasione sarà infatti utile per rivedere insieme  la struttura e le sistemazioni impiantistiche della imbarcazione da diporto e per rendere consapevole lo stesso diportista sugli aspetti della sicurezza in mare.

Durante il seminario verranno affrontati i temi che costituiscono l’apparato normativo attuale e saranno illustrate le procedure che i tecnici devono rispettano durante i controlli a bordo anche tramite la presentazione di case history da parte degli operatori del settore.

 

 

Programma

14.15 – 14.30

Registrazione dei partecipanti

14.30 – 14.40

Introduzione ai lavori e saluti iniziali

Ing. Maurizio Michelini  Presidente Ordine Ingegneri Genova

Moderatore

Ing. Giuseppe Macolino Amministratore di ENAVE

 

14.40 – 15.15

La conduzione della visita di rinnovo del certificato di sicurezza

Ing.Giovanni D’Aloia Ingegnere Navale – Tecnico Operativo ENAVE

15.15 – 15.50

La visita ispettiva per l’iscrizione alle Amministrazioni di Bandiera

Ing. Andrea Pippa –  Ingegnere Navale – Tecnico Operativo ENAVE

15.50 – 16.25

La visita per le certificazioni volontarie finalizzate ai test di laboratorio

Ing. Luca Frausini  Enave Linset

 

16.25 – 16.45 Pausa

 

 16.45 – 17.25

Aspetti legali delle visite a bordo delle imbarcazioni

Avv. Roberta CaragnanoStudio Legale Caragnano

 17.25 – 18.00

Visite di sicurezza “non sono tutte uguali” case history

Ing. Alessandro Suardi. –  Ingegnere Navale – Coord. Tecnico Tecnici Operativi e Sviluppo ENAVE

 

18.00 – 18.15 Conclusioni

 

 

CREDITI FORMATIVI

Il riconoscimento di 3 CFP al presente seminario è stato autorizzato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova, che ne ha valutato anticipatamente i contenuti formativi professionali e le modalità di attuazione.

ISCRIZIONE AL SEMINARIO e QUOTA D’ISCRIZIONE

Il seminario è gratuito e aperto a tutti gli Ingegneri e agli Architetti iscritti ai rispettivi ordini professionali. L’iscrizione dovrà avvenire esclusivamente online attraverso la piattaforma dedicata dell’Ordine degli Ingegneri di Genova: CLICCANDO QUI. Il numero massimo di partecipanti è di 40.

ASSENZE

Al fine del rilascio dei crediti non sono consentite assenze neppure parziali, e non sono previsti rimborsi in caso di mancato rilascio dei crediti.

 

scarica la locandina dell’evento

 

 

Citofonare ENAVE: vieni a conoscerci uno ad uno – Vi presentiamo Alessandro Suardi

Eccoci al secondo appuntamento di “citofonare ENAVE”, la nostra rubrica mensile che vi racconta chi ogni giorno contribuisce alla crescita della nostra azienda.

A giugno vi abbiamo presentato Francesco Prinzivalli (clicca qui per leggere l’articolo) ed ora è il momento del Responsabile della Struttura di Valutazione Alessandro Suardi.

Alessandro è Ingegnere navale, del mare e per l’ambiente dal 2009, si è laureato a Trieste, specializzandosi sin dai primi anni di studio nella progettazione delle unità da diporto a vela per navigazione d’altura e a lungo raggio.

Di origini bergamasche, ha trascorso la sua adolescenza al collegio navale Francesco Morosini di Venezia dove ha coltivato il suo amore per le barche e la navigazione a vela.

Istruttore per il conseguimento della patente nautica e skipper esperto tiene corsi di vela sia a per adulti che per bambini e ragazzi avviandoli alla passione per il mare.

Quest’anno festeggerà la sua ventesima partecipazione alla regata più affollata del mondo: la Barcolana, che ogni anno si tiene a Trieste la seconda domenica di ottobre e vede la partecipazione di oltre 2000 barche, al timone del suo unico amore Uchuck 110, un beneteau figaro.

Affascinato da sempre dalle barche e dal mare, con la sua perseveranza e le sue molteplici capacità, è riuscito a fare della sua passione un lavoro.

All’interno di ENAVE, dirige lo staff della valutazione tecnica e completezza formale della documentazione per le marcature CE, fornisce supporto tecnico e normativo a tutta la rete nazionale ed internazionale dei nostri tecnici operativi e si occupa dello sviluppo commerciale dei servizi anche attraverso la partecipazione a fiere, convegni, seminari e riunioni tecniche di settore.

 

La nostra convenzione con l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia

Con piacere comunichiamo la convenzione messa in atto con l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia.

Qualche settimana fa ci siamo recati a Roma presso la sede di ANMI, dove è stata sottoscritta la convenzione tra l’Ammiraglio di Squadra in riserva Paolo Pagnottella – Presidente Nazionale dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia e l’Ing. Giuseppe Macolino Amministratore Unico di Ente Navale Europeo.

Alla cerimonia della firma erano presenti inoltre: l’Ing. Francesco Prinzivalli – Socio di ENAVE, Il Contrammiraglio Genio Navale in riserva Ing. Fabio Matera Socio ANMI e Tecnico di ENAVE per la zona di Roma, Il Contrammiraglio in riserva Beppe Tommasiello dell’ufficio attività staturarie e regolamentari dell’ANMI.

Siamo orgogliosi di aver stretto questo sodalizio che permetterà ai soci di accedere ad una speciale scontistica a loro riservata.

ANMI è un’Associazione, apolitica e senza fini di lucro, è la libera unione di coloro che sono appartenuti o appartengono senza distinzione di grado, alla Marina Militare e che, consapevoli dei propri doveri verso la Patria, intendono mantenersi uniti per meglio servirla in ogni tempo.

Lo spirito di gruppo che sta alla base dell’Associazione, il loro impegno per tenere vivo l’amore per la vita marinaresca sono ampiamente condivisi da ENAVE.

I singoli centri territoriali di ANMI sono veri e propri centri di aggregazione, promozione, sviluppo delle iniziative e informazioni sulla vita marinara, la sua cultura, la sua tradizione: in esse, ogni cittadino trova risposta a sue curiosità e necessità che attengano al mare, la Marina, l’ambiente, la protezione, il soccorso, lo sport, la vita, la storia.

In collaborazione con ANMI, ENAVE organizzerà incontri e momenti formativi ed informativi rivolti ai propri soci, aventi come argomento certificazioni ed ispezioni nautiche, con la speranza che questa collaborazione possa durare a lungo nel tempo in maniera proficua.

Per maggiori info clicca qui

regate offshore

La Federazione Internazionale della Vela accredita ENAVE per la verifica delle barche da regata offshore.

 

Con orgoglio annunciamo che dal mese di giugno, siamo tra gli unici 6 Organismi Notificati al mondo a poter svolgere il servizio di certificazione delle imbarcazioni per le regate d’altura.

Il World Sailing che si occupa principalmente di Olimpiadi, sovrintende – tramite le federazioni nazionali – anche l’organizzazione di tutte le regate del mondo e redige il Regolamento Internazionale di Regata.

Per quelle di altura esiste un’integrazione al Regolamento di Regata che si chiama Offshore Special Regulation (OSR). Questo regolamento disciplina sia la costruzione delle barche che la preparazione tecnica dei velisti. Tutte le barche che vogliono partecipare alle regate più prestigiose ed impegnative devono attenersi alle regole dell’OSR Structural Plan Review.

Grazie alla nostra competenza siamo stati selezionati per revisionare e approvare i piani strutturali delle barche che intendono partecipare a regate offshore, e per accertarne la conformità agli standard internazionali ISO. Il riconoscimento viene conferito esclusivamente agli organismi notificati in grado di eseguire valutazioni, e rilasciare certificati CE per la direttiva europea, sulle imbarcazioni da diporto e che inoltre hanno dimostrato grande esperienza con barche a vela con zavorra, gestiscono un sistema di gestione della qualità riconosciuto ISO e sono sottoposti a regolari controlli da parte del loro ente nazionale di accreditamento.

“Davvero felici di essere giunti ad un traguardo come questo” – sono le parole dell’Amministratore Delegato di ENAVE Giuseppe Macolino, che prosegue dicendo – “un importante riconoscimento per un Organismo Notificato così giovane come il nostro. Siamo pronti a dare il meglio e a portare il nostro contributo anche alle riunioni di revisione dell’OSR Structural Plan e delle Offshore Special Regulation visto che toccano temi così importanti come la sicurezza in mare, argomento che a noi sta particolarmente a cuore”

Per maggiori dettagli sul nostro servizio clicca qui.

Un caso esemplare: l’EQA certificazione volontaria per la qualità applicata alla vetroresina per imbarcazioni.

ENAVE Quality AssessmentEQA – è una certificazione volontaria che attesta l’elevata qualità di qualsiasi prodotto o servizio presente nella filiera nautica.

Le nostre competenze, relative a regolamenti di classifica, direttive europee e standard internazionali di unificazione sono ufficialmente riconosciute dalla Comunità Economica Europea.

Per ottenere la certificazione volontaria ogni prodotto o servizio viene sottoposto dallo staff tecnico di Enave, ad un Disciplinare Tecnico fondato su standard qualitativi internazionali che stabilisce mediante esami documentali, audit in sito, prove di laboratorio e test mirati, le perfomance globali del prodotto/servizio e le misura rispetto a quanto attualmente sul mercato.

Nel caso specifico riportiamo la nostra esperienza nell’applicazione dell’EQA alla vetroresina utilizzata per la costruzione di un’imbarcazione a motore, grazie alla quale il cantiere ha potuto misurare la qualità del prodotto realizzato.

Abbiamo operato nell’ambito dei controlli non distruttivi NDT (Non Destructive Testing) optando per una particolare tecnica combinata tra la termografia e gli ultrasuoni.

In questo modo siamo stati in grado di massimizzare l’efficacia delle analisi, sfruttando la versatilità della termografia, capace di indagare vaste aree senza soluzione di continuità, e l’accuratezza dell’ultrasuono che riesce a verificare nel dettaglio ed in profondità l’eventuale non conformità, laddove la termografia rilevi eventuali anomalie.

Attraverso questo processo è stato possibile individuare e classificare le discontinuità presenti nel materiale: porosità, bolle, vuoti, delaminazioni, scarsa/mancata impregnazione, scollamenti, inclusioni, discontinuità), valutare l’integrità strutturale del manufatto nonchè valutare gli spessori dei laminati monolitici e la relativa rispondenza ai disegni progettuali.

In questo modo siamo stati in grado di fornire al committente un duplice risultato:

  • L’indicazione diretta sull’imbarcazione delle difettosità individuate, classificate con un codice alfanumerico che fornisce indicazioni circa la profondità, l’estensione e la tipologia delle stesse.
  • Un report finale in cui si riportano anche informazioni più dettagliate sui difetti stessi e dati aggiuntivi sulla metodologia d’indagine, sugli spessori rilevati, sulla conformità con i disegni progettuali, nonché un’accurata documentazione fotografica.

Permettendo così al Committente di porre rimedio ad eventuali non conformità, ed immettere sul mercato un prodotto con un elevato standard qualitativo e per giunta certificato.

ENAVE Quality Assessment è infatti anche un riconoscimento del proprio impegno nel costruire prodotti o nell’offrire servizi eccellenti. Dotarsi della certificazione volontaria EQA dimostra la propria volontà nel “fare bene” e migliora la propria immagine e visibilità a livello locale e internazionale.

ENAVE Quality Assessment – EQA misura la tua passione nel fare!

Poiché ENAVE Quality Assessment è una certificazione volontaria, rientra nelle attività aziendali di ricerca e sviluppo e, in quanto tale, l’azienda può beneficiare delle agevolazioni relative al credito di imposta previste dal Piano nazionale Impresa 4.0 .

 

Citofonare ENAVE: vieni a conoscerci uno ad uno – Vi presentiamo Francesco Prinzivalli

ENAVE – Ente Navale Europeo, giovane e dinamica società di servizi, è altamente specializzata nel settore dell’ingegneria navale.

Molti sono i volti e le persone che quotidianamente si impegnano per rendere la nostra società competitiva sul mercato, all’avanguardia e pronta a rispondere ad ogni esigenza dei clienti. Vogliamo quindi presentarci uno ad uno attraverso il nostro appuntamento mensile “citofonare ENAVE”.

Non solo per “mettere la faccia” in quello che facciamo, ma perché ci consideriamo una grande famiglia al vostro servizio e vogliamo stringere con voi un rapporto che possa andare oltre la mera vendita di una prestazione.

Iniziamo con il presentarvi Francesco Prinzivalli, uno dei due nostri soci fondatori.

Francesco, classe ’61, è pantesco di nascita ma palermitano di origine.

Ha intrapreso la sua formazione presso l’Accademia Navale di Livorno laureandosi in Ingegneria Navale e Meccanica presso l’Università degli Studi di Genova. Ora vive e lavora tra Ferrara e Milano.

Appassionato velista si diletta in regate di triangolo e di altura ricoprendo il ruolo di skipper capoturno o di prodiere. Il suo amore per il mare è così forte da far pensare che nelle sue vene scorra acqua salata.

All’interno di ENAVE, cura sia gli aspetti legati all’ingegneria navale che marittima, mantenendo un rapporto diretto con i clienti. Un approccio tecnico e di calcolo sempre rigoroso, unito ad una accurata valutazione degli scenari fanno di lui un professionista attento e scrupoloso.

PROMO 2018 PER IL RINNOVO DEL CERTIFICATO DI SICUREZZA

 

La bella stagione è alle porte ed è tempo di rinnovare il certificato di sicurezza!

Per la stazione 2018 Enave, ente certificato e specializzato in servizi per il rinnovo del certificato di sicurezza e per la marcatura CE nell’ambito della nautica da diporto, ha pensato ad una promozione riservata alle imbarcazioni dai 15 ai 24 metri.

Accedere alla speciale offerta è semplicissimo, CLICCA QUI e compila il form dedicato.

 

Tutte le novità del nuovo Codice della Nautica

Il 13 febbraio 2018 è entrato in vigore il nuovo Codice della Nautica da Diporto con il Decreto legislativo 3 novembre 2017, n.229, che revisiona e integra il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171.

In maniera sintetica riportiamo le maggiori novità che semplificheranno, riduranno la burrocrazia e modernizzeranno tutto il settore:

  • Introduzione del Registro Telematico delle imbarcazioni: attraverso la targa si potrà immediatamente riscontrare le caratteristiche dell’imbarcazione, la storia, il libretto nautico, licenza di navigazione, attraverso cui si avrà la certezza dei diritti dell’imbarcazione.
  • Introduzione dello STED Sportello Telematico per i diportisti: che assumerà il compito di rilascio della licenza di navigazione occupandosi anche degli aggiornamenti, diritto esteso anche agli utilizzatori in leasing.
  • Definizione e semplificazione delle procedure di iscrizione, compra/vendita di imbarcazioni da diporto e definizione di un termine di 20 gg (7 gg per i duplicati) per il rilascio dei documenti da parte dello STED.
  • Introduzione del “Bollino Blu” adesivo da attaccare sulla barca in maniera visibile che attesta che l’imbarcazione è stata sottoposta a controlli preventivi su: regolarità della documentazione, dotazioni di sicurezza e versamento della tassa di possesso, con validità per l’intera stagione balneare (giugno/settembre).
  • Istituzione della Camera internazionale arbitrale del mare e della nautica, studiata per la risoluzione delle controversie legali e tecniche di ogni rapporto inerente alla nautica.
  • Istituzione di un Archivio telematico in sostituzione di quello cartaceo.
  • Ampliamento dei servizi delle strutture ricettive portuali con l’inclusione dell’assistenza all’ormeggio e al traino in mare per natanti e imbarcazioni (fino a 24 metri).
  • Introduzione di un Passenger yacht code italiano per le imbarcazioni che trasportano più di 12 ma meno di 36 passeggeri prevista adozione di un apposito regolamento.
  • Riforma della patente nautica e Anagrafe Nazionale delle Patenti Nautiche.
  • Introduzione e definizione di nuove figure professionali: Ufficiale di navigazione del diporto di 2° classe, Mediatore del diporto, Istruttore di vela.
  • Ridefinizione della disciplina delle Scuole nautiche e dei Centri di formazione per la nautica (circoli sportivi e associazioni).
  • Introduzione di una patente limitata D, con limitazioni per scafo, potenza dei motori installati, ai limiti di navigazione, e l’anagrafe delle patenti.
  • Disciplina del transito delle unità da diporto. L’accosto gratuito è concesso fino a 4 ore (massimo 3 volte nel mese), nella fascia diurna stabilita dal concessionario stesso. Le tariffe del transito sono pubbliche. I porti a secco vengono equiparati alle altre strutture della portualità turistica.
  • Introduzione del danno ambientale.
  • Elevamento delle sanzioni pecuniarie, ammettendo il pagamento di 1/3 del massimo o del doppio del minimo (nella misura più favorevole).
  • Istituzione della “Giornata del Mare” nella data dell’11 di aprile a favore della formazione sul tema, negli istituti scolastici.

Scarica il testo completo, o consulta l’esperto per maggiori informazioni.

Non perdere tutti i nostri servizi in ambito nautico e navale

 

Responsabilità degli operatori del turismo marittimo: unità galleggianti, difficoltà e opportunità per i produttori

Oggi in Italia, sempre più Capitanerie di Porto, richiedono agli operatori del turismo marittimo, nel rispetto dei criteri di sicurezza della balneazione e navigazione, una forte attenzione e presa di responsabilità nei confronti delle unità galleggianti utilizzate a scopo ricreativo e di noleggio ai fini turistici come ad esempio: gommoni, pedalò, kite e wind surf, banana boat, etc.

Il fatto che talune unità non rientrino nell’ambito di applicazione dalla direttiva 2013/53 in materia di certificazione CE ad opera di organismo notificato, se da una parte può sembrare un’agevolazione sia economica che burocratica, dall’altra, alla luce della tendenza sempre maggiore delle capitanerie di emanare ordinanze a tutela della balneazione sicura, anche per mezzi da spiaggia a remi o a pedali, espone gli operatori al rischio elevato di acquistare prodotti, sì presenti sul mercato, ma che non rispettano gli opportuni requisiti di sicurezza, in quanto non “controllati” da un ente tecnico terzo che ne verifica la progettazione e costruzione.

Utilizzare prodotti potenzialmente non sicuri, espone le imprese a rischi elevati in quanto responsabili di eventuali danni a terzi derivanti dall’utilizzo del mezzo.

Sempre più operatori del turismo marittimo e balneare si stanno, quindi, orientando verso l’acquisto di articoli che vengono preventivamente testati e verificati ad opera di professionisti del settore.

Sempre più cantieri e aziende produttrici di pedalò, gonfiabili e altre unità analoghe, nell’ambito delle certificazioni volontarie di qualità, si stanno rivolgendo a noi, per avvalersi della nostra consulenza sia in fase progettuale, sia per la successiva fase di test e prove.

Abbiamo ha infatti elaborato uno speciale standard di certificazione volontaria: EQA – ENAVE Quality Assessment – che accerta l’elevata qualità di qualsiasi prodotto o servizio presente nella filiera nautica.

 

Per maggiori informazioni o per un preventivo gratuito contattaci in qualsiasi momento, risponderemo tempestivamente e valuteremo insieme anche eventuali possibilità di finanziamento agevolato.

 

 

 

 

La fiera internazionale Boot conferma la sua posizione di leader nel mercato mondiale.

Come ogni anno, non potevamo mancare a questa importante fiera internazionale.

La Kermesse, che il prossimo anno festeggerà il suo 50esimo compleanno, nella sua edizione 2018 stabilisce un nuovo record come numero di visitatori, sempre più giovani.

Disposti su 220.000 metri quadrati di spazio espositivo ben 1.923 espositori provenienti da 68 paesi diversi hanno presentato yacht, barche e accessori per tutte le attività di sport acquatici.

Il CEO di Messe Düsseldorf, Werner M. Dornscheidt ha dichiarato: “Queste cifre sono uniche nel settore. Nessun’altra fiera riflette l’intero mercato mondiale in tutta la sua diversità così come Boot di Düsseldorf. ”

La fiera ha accolto, infatti, 247.000 ospiti provenienti da 94 diversi paesi (2017: 242.000 visitatori), riuscendo così anche ad aumentare il numero di visitatori internazionali: provenienti per la maggior parte da Paesi Bassi, Belgio, Svizzera, Italia, Austria e Francia. Mentre la maggior parte degli operatori commerciali è arrivata da Stati Uniti, Cina e Australia.

Questi risultati confermano che l’industria marittima sta beneficiando della situazione economica generale positiva in tutta Europa. I produttori si aspettano che lo stimolo fornito da Boot Düsseldorf porti a una sostanziale crescita delle vendite nel segmento delle nuove imbarcazioni, che mostra una tendenza precisa verso barche più grandi sia nel settore della vela che in quello delle barche a motore.

Nell’ottica della costante crescita Enave si impegna a partecipare a questi grandi eventi internazionali, che mostrano benefici sia in termini di partnership che di nuovi contatti. Respirare un’aria cosmopolita ci permette di confrontarci costantemente con le novità provenienti da tutto il mondo e ci stimola ad offrire ai nostri clienti servizi sempre all’avangiardia.

photo: Messe Düsseldorf/ctillmann